Indice del forum

epilessie

un sito dedicato a tutta la società in particolare

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Cellulari anche per uso terapeutico
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Benvenuti nel Forum
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Mar Mag 23, 2006 9:36 am    Oggetto:  Cellulari anche per uso terapeutico
Descrizione:
Rispondi citando

Lo studio italiano che ha dimostrato, attraverso l'utilizzo di un metodo del tutto inedito, che i telefoni cellulari condizionano l'eccitabilità del cervello, apre strade nuove anche rispetto alla valutazione di un possibile uso terapeutico, nella cura di determinate patologie, di strumenti che, come i telefonini, emettono onde elettromagnetiche. Lo sostiene il coordinatore del progetto, il direttore scientifico dell'Irccs di Brescia Paolo Maria Rossini.



"In alcune patologie, come ad esempio l'Alzheimer, una delle ipotesi è che un aumento delle condizioni di eccitabilità del cervello potrebbe avere un effetto terapeutico - ha spiegato l'esperto - Per questo, uno dei prossimi passi sarà quello di concentrarci negli studi finalizzati appunto a verificare un eventuale utilizzo di strumenti ad emissione di onde elettromagnetiche, come sono i cellulari, dal punto di vista clinico, per il trattamento di persone con eccitabilità del cervello particolarmente ridotta, proprio come nel caso dei malati di Alzheimer o di pazienti dopo un Ictus".

Ignote, per ora le possibili applicazioni, ma la ricerca lascia spazio a una vasta gamma di casi terapeutici. "Con questo studio si dimostra per la prima volta in modo così circostanziato e 'misurabile' che i cellulari determinano una maggiore eccitazione del cervello nella zona maggiormente vicina all'antenna del telefonino, punto in cui si concentrano le radiazioni - ha aggiunto Rossini - Uno stato di eccitamento che perdura oltre un'ora dallo spegnimento del cellulare stesso".

Ma tale osservazione, ha tenuto a precisare, non significa che i cellulari siano totalmente pericolosi. "Lo studio è stato effettuato su soggetti sani e alla fine della sperimentazione, dopo essere stati sottoposti alle radiazioni dei cellulari non sono stati rilevati effetti negativi", ha precisato l'esperto. Ma per valutare le conseguenze di un'esposizione prolungata alle onde dei cellulari, ha affermato Rossini, sono necessari ulteriori indagini, e così come di potrebbe ipotizzare un utilizzo terapeutico di tali radiazioni, allo stesso modo si può ipotizzare un loro effetto negativo su altre tipologie di soggetti.

"Alcuni studi pubblicati - ha rilevato il neurologo - hanno ad esempio dimostrato su modelli animali affetti da epilessia che l'esposizione prolungata a radiofrequenze aumenta la frequenza delle scariche epilettiche. Questo ci farebbe ipotizzare che pazienti con un livello più alto di eccitabilità cerebrale potrebbero dunque avere effetti negativi dall'esposizione alle onde dei cellulari". Ad ogni modo, ha concluso Rossini, "un grande passo avanti è stato fatto, dal momento che oggi disponiamo di un metodo e di uno strumento che, per la prima volta, ci consentono di 'misurare' l'effetto dei cellulari sulle funzioni cerebrali".

_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Mar Mag 23, 2006 9:36 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Mer Mag 24, 2006 9:52 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cellulari dannosi per il cervello? La questione resta ancora aperta, ma un nuovo studio rilancia affermando che le onde elettromagnetiche, come quelle utilizzate dai telefonini, potrebbero addirittura essere impiegate per uso terapeutico. E' quanto sostiene il professor Paolo Maria Rossini, direttore scientifico dell'Irccs-Fatebenefratelli di Brescia, coordinatore di un nuovo progetto che sta indagando l'utilizzo delle onde elettromagnetiche nella lotta a patologie come l'Alzheimer o nelle fasi post-Ictus.
Secondo Rossini, infatti, l'aumento dell'eccitabilità del cervello provocato da onde come quelle dei cellulari potrebbe rivelarsi utile in caso di patologie che tendono invece a ridurne l'attività. ''Per la prima volta - ha dichiarato il professor Paolo Maria Rossini - uno studio dimostra in modo così circostanziato e misurabile che i cellulari determinano una maggiore eccitazione del cervello nella zona maggiormente vicina all'antenna del telefonino, punto in cui si concentrano le radiazioni. Lo stato di eccitamento, inoltre, perdura per più di 60 minuti dallo spegnimento del cellulare''.
Pur sottolineando l'importanza di un possibile uso delle onde elettromagnetiche nei casi di scarsa eccitabilità del cervello, Rossini sottolinea però come ciò potrebbe invece comportare un effetto negativo su coloro che invece soffrono di patologie come l'epilessia. ''Alcuni studi precedenti - evidenzia Rossini - hanno dimostrato, su modelli animali affetti da epilessia, che l'esposizione prolungata a radiofrequenze aumenta la frequenza delle scariche epilettiche''. Lo studio dell'IRCCS-Fatebenefratelli di Brescia, al quale hanno collaborato l'Ospedale S.Giovanni Calibita-Fatebenefratelli di Roma, la Facoltà di Psicologia dell'Università La Sapienza e la Clinica Neurologica dell'Università Campus Bio-Medico, sarà pubblicato sulla rivista internazionale ''Annals of Neurology''.

_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Gio Giu 01, 2006 4:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Nuovo studio sugli effetti dei telefonini sul cervello umano. Le onde eccitano la corteccia cerebrale ma questa cosa non vuol certo dire che gli stessi siano pericolosi

Il fatto che i telefoni cellulari eccitino il cervello non significa che siano necessariamente pericolosi. A questa conclusione è pervenuto uno studio condotto dall' IRCCS Fatebenefratelli di Brescia e a Roma dall' Ospedale S.Giovanni Calibita, dalla Facoltà di Psicologia alla Sapienza e dalla Clinica Neurologica all'Università Campus Bio-Medico, studio che sarà pubblicato da Annals of Neurology.


Il risultato cui sono pervenuti i ricercatori è che le emissioni elettromagnetiche dei telefoni cellulari producono effetti sull'eccitabilità del cervello di chi li usa, ed in particolare in quella parte delicata che è la corteccia cerebrale. Lo studio è stato condotto su 15 soggetti volontari, ai quali è stato applicato elmetto con incorporati due cellulari GSM all'altezza dell'orecchio destro e sinistro
Gli effetti che si sono riscontrati, affermano i ricercatori, non necessariamente implicano che il telefonino sia pericoloso ma a maggior ragione richiedono ulteriori ed approfondite ricerche al fine di verificare gli eventuali effetti dannosi su persone che già soffrono di eccitabilità della corteccia come i malati di epilessia, o, viceversa, il possibile utilizzo medico indirizzato verso quei soggetti con problemi di ridotta eccitabilità del cervello come possono essere i malati di Alzheimer o i pazienti dopo un Ictus.

_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Mar Giu 27, 2006 3:28 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

I campi elettromagnetici generati dai telefoni cellulari stimolano la corteccia cerebrale adiacente a essi, con potenziali implicazioni per persone che siano affette da epilessia o analoghi problemi neurologici. È quanto risulta da una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori dell’Ospedale Fatebenefratelli “San Giovanni Calibita” di Roma, diretti da Paolo M. Rossini, e pubblicata sull’ultimo numero degli Annals of Neurology.
Per quanto nel corso degli ultimi anni siano stati numerosi gli studi sui possibili effetti dell’uso dei telefonini, ma non su questo specifico aspetto.
Per il loro studio i ricercatori hanno sottoposto un gruppo di volontari a campi magnetici corrispondenti a quelli degli usuali cellulari prodotti con un apparecchiatura di stimolazione magnetica transcranica. Subito prima, subito dopo e a un’ora dalle sedute sperimentali, della durata di 45 minuti ciascuna, hanno rilevato i potenziali evocati a livello della corteccia motoria.
In 12 dei 15 soggetti testati,“l’eccitabilità intracorticale era significativamente modificata, anche se l’effetto era transitorio e in capo a un’ora la situazione tornava quella precedente all’esposizione.
I ricercatori sottolineano che è prematuro trarre conclusioni sull'utilizzo dei cellulari, e sulla possibilità che tali modificazioni elettriche cerebrali determinino qualche differenza nei processi patologici da cui è eventualmente affetta l’area corticale interessata.
“È ancora da valutare – concludono i ricercatori - se l’esposizione ripetuta e a lungo termine ai campi magnetici connessa a un uso intensivo dei telefoni cellulari nella vita quotidiana possa essere di danno o di beneficio nei soggetti con patologie cerebrali.”

_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Mar Giu 27, 2006 3:29 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

WASHINGTON (Reuters) - Le emissioni dei telefoni cellulari eccitano la parte di corteccia cerebrale più vicina all'apparecchio, ma non è chiaro se gli effetti siano dannosi. Lo afferma uno studio pubblicato sulla rivista "Annals of Neurology" da un gruppo di ricercatori italiani dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano.

Lo studio si va ad aggiungere a un sempre maggiore numero di ricerche sui telefoni cellulari, i loro possibili effetti sul cervello e sull'eventuale rapporto tra uso e tumori.

Secondo le previsioni del settore, quest'anno verranno venduti circa 730 milioni di apparecchi, mentre circa 2 miliardi di persone ne usano già uno.

Di questi due miliardi di utenti, circa 500 milioni usano un tipo di telefono che emette campi elettromagnetici, il Gsm (Global System for communications).

I loro possibili effetti su cervello sono controversi e non ancora completamente compresi.

Il dottor Paolo Rossini, del Fatebenefratelli di Milano, e i suoi colleghi hanno usato la Stimolazione Magnetica Transcraniale (Tms) per controllare il funzionamento del cervello durante l'uso dei cellulari, grazie a 15 volontari che hanno usato un Gsm 900 per 45 minuti.

In 12 casi su 15, le cellule nella porzione di corteccia motoria adiacente al telefono hanno mostrato segni di eccitazione durante l'uso, ma sono poi tornate in una condizione di normalità nel giro di un'ora dalla fine della telefonata.

La corteccia è lo strato esterno del cervello, e la corteccia motoria è considerata una "area eccitabile" perché si è constatato che la stimolazione magnetica causa contrazione muscolare.

I ricercatori hanno sottolineato di non avere dimostrato che l'uso del cellulare è dannoso in qualche modo per il cervello, ma le persone che soffrono ad esempio di epilessia, che è legata all'eccitazione delle cellule cerebrali, potrebbero risentirne.

"Si dovrebbe provare se l'esposizione duratura e ripetuta alle EMF (frequenze elettromagnetiche) legata all'intenso uso dei telefoni cellulari nella vita quotidiana possa essere dannosa o benefica nei soggetti con danni cerebrali", scrivono gli autori dello studio.

Gli studi medici condotti sui telefoni cellulari hanno dato risultati diversi. L'anno scorso alcuni ricercatori svedesi hanno scoperto che usare i cellulari per molto tempo può aumentare il rischio di tumore al cervello. Ma uno studio condotto da quattro operatori di telefonia mobile giapponesi non ha trovato alcuna prova che le onde radio dei cellulari danneggino le cellule o il Dna.

Il Consiglio per la Salute Danese ha analizzato numerosi studi e non ha trovato prova del fatto che le radiazioni dei cellulari siano dannose.

_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Mer Giu 28, 2006 4:12 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

BRESCIA - Ancora non si sa se facciano male alla salute. E' certo, pero', che i telefoni cellulari eccitano il nostro cervello. A stabilirlo e' uno studio italiano - pubblicato sulla rivista 'Annals of Neurology' - che mostra gli effetti delle onde elettromagnetiche dei telefonini sulla corteccia cerebrale. I ricercatori hanno trovato che il campo elettromagnetico emesso dal telefonino attiverebbe le cellule della corteccia cerebrale adiacente al punto dove viene tenuto il cellulare, mentre altre zone risultano inibite. Una scoperta che potrebbe portare a effetti benefici per chi soffre di emicrania ma risultare negativo per i malati di epilessia. "Sono necessari ulteriori studi per formulare regole di sicurezza" - sottolinea Paolo Rossini, dell'ospedale Fatebenefratelli di Brescia e responsabile della ricerca.
_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Fabry

moderatore
moderatore


Fabry



Registrato: 11/07/05 20:33
Messaggi: 414
Fabry is offline 

Località: prov. di Cagliari


Sito web: http://epilessie.miowe...

MessaggioInviato: Ven Giu 30, 2006 9:57 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ROMA - Le onde elettromagnetiche dei cellulari eccitano la corteccia celebrale. Lo ha dimostrato una ricerca fatta da un gruppo ricercatori italiani dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano. Se questo sia un bene o un male è però ancora presto per dirlo. Lo studio, pubblicato sulla rivista "Annals of Neurology", non è solo l'ultimo della serie sull'influenza dei telefonini sul cervello: potrebbe invece mettere un punto fermo nella discussione scientifica sugli effetti delle onde elettromagnetiche sulla corteccia celebrale. Il problema, a questo punto, si sposterebbe quindi sulle reazioni della corteccia all'eccitazione e se questo stato possa causare, nel lungo periodo, danni al cervello. La corteccia è lo strato esterno del cervello, e la corteccia motoria è considerata una "area eccitabile" perché si è constatato che la stimolazione magnetica causa contrazione muscolare. Capire gli effetti di questa 'eccitazione' sarebbe importante non solo per confermare o escludere se l'uso del cellulare sia dannoso per il cervello, magari aumentando il rischio di tumori, ma anche per le persone che soffrono di danni celebrali o di epilessia, legata proprio all'eccitazione delle cellule cerebrali.

Il dottor Paolo Rossini e i suoi colleghi del Fatebenefratelli hanno usato la "stimolazione magnetica transcraniale" (Tms) su 15 volontari che hanno usato un telefonino gsm per 45 minuti. Nell'80% dei casi i ricercatori hanno verificato che le cellule della corteccia motoria più vicine al telefono hanno mostrato segni di eccitazione durante l'uso, ma sono poi tornate alla normalità entro un'ora dalla fine della telefonata.

I ricercatori hanno sottolineato di non avere dimostrato che l'uso del cellulare è dannoso in qualche modo per il cervello. "Si dovrebbe provare se l'esposizione duratura e ripetuta alle frequenze elettromagnetiche legata all'intenso uso dei telefoni cellulari nella vita quotidiana possa essere dannosa o benefica nei soggetti con danni cerebrali", scrivono gli autori dello studio.

Quello dei cellulari è un mercato in costante crescita. Secondo le previsioni del settore, quest'anno verranno venduti circa 730 milioni di apparecchi, mentre circa 2 miliardi di persone ne usano già uno. Di questi due miliardi di utenti, circa 500 milioni usano un tipo di telefono che emette campi elettromagnetici, il Gsm.

_________________
la vita è l'unica fonte della felicità
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Benvenuti nel Forum Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





epilessie topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008